Impariamo a conoscere le Blatte e come evitare la loro proliferazione

Conoscere le blatte può aiutare ad identificare più velocemente l'habitat in cui vivono. Un continuo monitoraggio degli ambienti consentirà di verificare l’insorgenza delle infestazioni e di intervenire prontamente.

8 Luglio 2020

IMPARIAMO A CONOSCERE LE BLATTE E COME EVITARE LA LORO PROLIFERAZIONE

Comunemente detti scarafaggi o blatte, hanno un corpo molto appiattito con il capo ricoperto da un disco dorsale. Le dimensioni sono molto varie, le specie presenti in Italia oscillano da pochi mm fino a oltre i 35 mm. La colorazione è di solito uniforme, variabili dall’ocra al bruno, al nero.

LA LOTTA ALLE BLATTE È MOLTO IMPORTANTE

Sono vettori di numerosi organismi patogeni in quanto passano da ambienti molto inquinati ad ambienti di vita normale per gli esseri umani. Le specie presenti nel nostro habitat sono: blatta orientalis, blattella germanica, periplaneta americana, supella longipalpa.

Disinfestazione-blatte-01

In fase preliminare diventa fondamentale l’ispezione, che permette di programmare le future operazioni di deblattizzazione. Occorre determinare il tipo e l’entità dell’infestazione, i nascondigli (fessure, aree nascoste vicino a pastorizzatori o altre zone in cui vi sia calore, ecc…) e le sorgenti di cibo.

COME EVITARE LA LORO PROLIFERAZIONE

È fondamentale il monitoraggio delle specie presenti, che può avvenire distribuendo un appropriato numero di trappole collanti o esche in gel inodore (non tossico) nei punti di nidificazione o aggregazione delle blatte. Da un’analisi degli individui catturati sarà possibile valutare le specie di blatte presenti e il loro numero approssimativo. Una volta identificate le specie presenti e i possibili rifugi, occorre effettuare una accurata pulizia per rimuovere il materiale organico di cui gli insetti si nutrono e trattare con uno spruzzatore a pressione e con insetticidi liquidi innanzitutto le superfici sulle quali le blatte si spostano. In questa fase è opportuno operare con cautela, evitando di contaminare con gli insetticidi i cibi o qualsiasi cosa possa venire a contatto con essi.

In seguito occorre eseguire un trattamento mirato all’interno dei rifugi delle blatte (crepe e fessure), utilizzando insetticidi dotati di potere stanante, i quali, provocando eccitazione dell’insetto, lo costringono ad uscire dai rifugi e ad entrare in contatto con l’insetticida residuale precedentemente irrorato. Nei luoghi ove possibile (scantinati, magazzini, fogne, discariche) può essere indicato effettuare trattamenti ambientali con nebulizzatori ULV o con termo nebulizzatori.

Un continuo monitoraggio negli ambienti trattati consentirà di verificare l’insorgenza di una eventuale re-infestazione e di intervenire prontamente.

IL NOSTRO BLOG

DISINFESTAZIONE-DERATTIZZAZIONE-DEBLATTIZZAZIONE-BLATTE-TOPI

Attiva nel settore della disinfestazione e sanificazione da oltre un trentennio, Ecosan Italia avverte l’esigenza di garantire ai propri clienti uno strumento di comunicazione ed informazione agile ed in costante aggiornamento.

Blog informativo

Covid19: Sanificazione tra norme e procedure

Covid19: Sanificazione tra norme e procedure

L’emergenza generata dalla Pandemia da Covid-19, ha determinato un proliferare di norme ,procedure e protocolli per l’attività di sanificazione, tanto per il settore pubblico, quanto per il comparto delle imprese.
Qui un breve riepilogo per evitare di commettere errori.

leggi tutto

CONTATTACI

5 + 12 =

Viale Abruzzi n°13/A - 20131 Milano

info@ecosanitalia.eu

Pin It on Pinterest

Share This